lunedì 27 settembre 2021

Segnala ad un amico
il sito Aicsbasket
da
a @
 
 
27/07/2010  11:36
A.I.C.S. Basket e Gruppo Fideuram

Con soddisfazione, A.I.C.S. BASKET annuncia l'inizio di un rapporto di collaborazione con il Sig. Carlo Venturini, promotore finanziario del Gruppo Fideuram, con il quale abbiamo il piacere di presentare una serie di interessanti e vantaggiose proposte riservate a tutti i nostri tesserati.

Cosa aspettate?? Cliccate e scoprite l'importante e conveniente offerta a Voi riservata!!

Scheda Conto Fideuram Plus

 
14/07/2010  18:24
Intervista a Luca Chiadini, nuovo allenatore dell'A.I.C.S. BASKET

Grande giocatore e ora allenatore, Luca Chiadini inizia la sua avventura come nuovo coach dell'A.I.C.S. BASKET Forlì.

Che tipo di squadra vuole formare?

"La squadra rimarrà pressoché invariata; alcuni innesti saranno Alessio Brighi nel reparto dei lunghi e un nuovo giovane. È una squadra che ha già un grosso potenziale, non credo abbia bisogno di ulteriori aggiunte".

Quali sono le sue impressioni dopo aver diretto i primi allenamenti?

"Trovo che ci siano buoni margini di miglioramento, un grande entusiasmo e soprattutto grandi potenzialità".

Come gestisce la comunicazione con la squadra e con i singoli giocatori?

"Penso che la comunicazione debba essere sempre presente durante tutto l'arco degli allenamenti e  che la comunicazione verbale e non verbale debbano andare di pari passo; è importante capire quando il silenzio è la soluzione migliore, come alla fine di una partita andata male, ad esempio".

Come pensa che sarà il campionato della prossima stagione?

"Difficile, ma il livello è buono e malgrado le difficoltà economiche che hanno colpito lo sport dobbiamo puntare a un campionato di vertice. L¹impegno c'è e la volontà anche".

Un aggettivo per per descrivere la squadra?

"Ottima".

 
07/07/2010  12:39
Intervista a Mario Nazzaro, nuovo D.S. dell’ A.I.C.S BASKET

L’A.I.C.S BASKET Forlì inserisce nella propria Società una nuova e importante figura. Si tratta di Mario Nazzaro, che ricopre il ruolo di Direttore Sportivo ed inizia così una nuova avventura nel mondo della palla a spicchi.

Quali sono le motivazioni che l’hanno spinta ad accettare l’incarico?

“Dopo trent’anni nel mondo del basket in me è ancora presente la voglia di divertirsi. Inoltre, l’organizzazione della Società è davvero molto buona, più elevata rispetto al livello in cui si trova”.

Cosa pensa di poter fare per l’A.I.C.S?

“Il mio intento è quello di formare una squadra forte, competitiva, che lavori sodo e con tanta passione. Bisogna continuare ad allenarsi duramente a dispetto della crisi che ha anche attanagliato lo sport, soprattutto le squadre minori”.

E per quel che concerne la squadra?

“Sono confermati i sei decimi della rosa dell’anno scorso, che è già un congruo numero. Al momento stiamo cercando di consolidarla con qualche nuova aggiunta”.

Come si aspetta il livello del prossimo campionato?

“Mi aspetto un anno positivo, un campionato di vertice, considerando anche le variabili e il fattore fortuna. In più sono molto contento per l’arrivo di Luca Chiadini come nuovo allenatore; ho fiducia nelle sue qualità e nella sua esperienza”.

 
21/06/2010  21:37
Il pagellone di fine stagione... della Prima Divisione!

È giugno ed è un caldo asfissiante.

Una Squadra si ritrova dopo vari tentativi per fare una benedetta foto di fine anno... e finalmente ci riescono!?

Questa potrebbe essere l’emblema della stagione A.I.C.S. TUBOZETA BASKET FORLI' 2009/2010: tanta fatica, tanti “inghippi”, tanti problemi, per poi, una volta ritrovati, dimenticare tutto, divertirsi e stare bene insieme. Tante lamentele prima della foto, tante risate durante. Le persone, nel frattempo, non sono cambiate!? Ma come ha fatto una Squadra che ha fatto così tanta fatica anche solo per avere il numero minimo di atleti per allenarsi a finire una stagione imbattuta?? Procediamo con ordine.

Prima metà di agosto 2009, caldo paragonabile a quello che si è abbattuto d’un tratto su di noi in questo periodo, ed io, con la sabbia tra le dita dei piedi, con un misto di delusione e rammarico (e rabbia!), non faccio altro che sentire nella mia mente quello che Stefano Colombo, Head Coach della Prima Squadra di Serie C Regionale, mi disse al telefono durante un bellissimo giro in mountain bike sul lago di Garda un paio di settimane prima: “Ugo, non sei confermato, cerchiamo Under in altri ruoli”.

Il primo pensiero dopo quelle parole è andato verso i litri di sudore spesi nei pochi minuti d'utilizzo di quella stagione piena di problemi di Squadra, ma ancor più alla stagione precedente finita con la "cavalcata trionfale" in quel di Lugo con la promozione raggiunta. Ma andiamo oltre.

Eravamo rimasti alla sabbia tra le dita; il telefono squilla ed il nome del mio Presidente (Gabriele Ghetti, ndr), che consideravo ancora tale, compare sullo schermo del mio cellulare. Non è tipo da fare telefonate a caso, lui bada ai fatti, quindi non potevo aspettarmi altro che una telefonata importante e ricca di contenuti ma al tempo stesso chiara e sintetica. Come suo solito, insomma. Ricordo solo: “io e te, due chiacchere sul tuo futuro, il prima possibile”.

Due giorni dopo eravamo già seduti per una abbondante colazione al suo bar preferito. Era un sabato mattina, ma mattina vera, di quelle che uno non si alza a quell’ora per fare colazione con il proprio Presidente solo per fare due chiacchiere sul dove si è stati in vacanza. La proposta era sicuramente interessante, giocare una stagione da protagonista nel Campionato di Prima Divisione con il solo ed unico obbiettivo di vincere il campionato quest’anno, per poi tentare il colpaccio e magari vincere anche l’anno successivo. E la proposta per me era doppiamente interessante perché mi permetteva di portare avanti anche l’altra mia “carriera”, vale a dire quella arbitrale, che mira agli stessi obbiettivi di due promozioni in due anni.

Non ci misi molto a decidere, mi spiegò chi era il Coach (Domenico Matassini, ndr), che fino a li conoscevo poco ma del quale ho sempre avuto ottime impressioni, mi parlò dell’intento di acchiappare certi giocatori. Fin li aveva poche conferme, quindi uno avrebbe potuto prendere tempo per riflettere; io sentii che la cosa giusta da fare era accettare all’istante, per mandare un messaggio sia al Coach che al Presidente stesso: "il progetto è ambizioso ed io sono con voi, come lo sono stato da quando sono entrato in A.I.C.S. BASKET". E poi qualcuno avrebbe pur dovuto cominciare ad accettare, sennò si sarebbe sempre parlato di aria fritta... ma c'era un campionato da vincere!

Da quel giorno le cose cominciarono a girare e dal “basket mercato” ogni giorno arrivavano conferme ed arrivi. La Squadra c’era, eccome se c'era, una Squadra di cui mi sentivo onorato di far parte. Con la fine dell’estate, e dopo i primissimi allenamenti di gruppo, iniziarono le maggiori difficoltà della stagione: agli allenamenti l’entusiasmo scemava a diversi mesi di distanza dall’inizio di campionato, perchè parecchio più avanti rispetto alla data d'inizio dei lavori in palestra. Si perché quando c’eravamo tutti si passava dalla serietà e concentrazione degli allenamenti alla serenità e allegria degli spogliatoi, ma queste occasioni per un periodo troppo lungo si sono contate sulle dita di una mano. Così spesso eravamo in 9, 7 o 5, oltre che essere sempre dispari eravamo sempre pochi e il "malumore" (in senso buono) cresceva, e questo non faceva bene al gruppo, dato che si rischiava che da un momento all’altro qualcuno avrebbe mollato.

Le prime amichevoli non aiutavano l’aspetto emotivo, ma il gioco nonostante stentasse ad arrivare con continuità faceva intravedere lampi di un enorme potenziale, quindi la fiducia c’era... dovevamo tenere duro e continuare a lavorare, con pazienza. Con il campionato alle porte il clima si fece effervescente, la qualità degli allenamenti crebbe tutto d’un tratto, eravamo pronti fisicamente, ma soprattutto mentalmente, ad iniziare questa nuova avventura. E volevamo farlo nel migliore dei modi!

La prima trasferta fu tutto un entusiasmo, se non che un banalissimo errore di designazioni arbitrali (capita...) ci fece tornare a casa senza aver esordito, e con il sentore che la partita dopo sarebbe stata, oltre che difficile sulla carta,  difficile da gestire emozionalmente, in quanto avrebbe visto una squadra in casa con già 40’ di rodaggio contro una squadra al suo esordio assoluto a ranghi completi.

La vittoria a Riccione fu importante: da quella partita capimmo tutta la nostra forza e coesione, e capimmo anche i nostri limiti, che furono evidenti a tratti, ma si sa, bisogna conoscere i propri limiti meglio degli avversari se non si vuole rischiare di perdere...

Da lì in poi c’è poco da scrivere, ad ogni partita giocavamo sempre meglio, e abbiamo sempre giocato fino in fondo ogni singolo match rispettando pienamente l’avversario, con umiltà e passione, umiltà che non sempre si trova in persone che hanno calcato parquet ben più importanti di quelli da noi espugnati.

Partita e cena assieme diventarono il "leit motiv" della stagione, penso sia difficile trovare una Squadra che si trovava contemporaneamente così bene in campo e fuori. La personalità dei singoli veniva in secondo piano quando giocavamo assieme, e veniva anche messa scherzosamente in risalto durante "le pizzate": potrei dire senza esagerare che la gerarchia di età ed esperienza veniva fuori soltanto nei post partita, in campo tutti eravamo uguali e tutti siamo stati importanti alla stessa maniera, in quanto tutti abbiamo portato sempre un mattoncino utile alla causa. Una causa che si è poi dimostrata estremamente vincente (e convincente!).

Campionato vinto col 100% di vittorie... e siamo in Promozione!!! Per tutto questo, volevo ringraziare:

Ciccio, che anche se se n'è andato prima della fine, perchè portava sempre entusiasmo.

Tommy, amico fraterno e importante pedina quando c’era bisogno di pura intensità, cresciuto molto a suon di usare "la carota ed il bastone".

Mirko, pochi minuti in campo rispetto a quelli passati ad allenarsi, ha sempre lasciato da parte i mugugni per il bene della Squadra, risultando importante più per le cose che faceva attorno alla partita rispetto a quelle che faceva dentro il match.

Rupert, che non si capisce come uno possa passare da cecchino a spacca ferri tra allenamento e partita, grandissima mano in difesa, in attacco ci faceva girare molto bene.

Vitez, al grido di “che schema avevi chiamato??” I tiri più ignoranti di tutta la mia vita, ma anche i passaggi più irreali che abbia mai visto dal vivo.

Marcone, un omone dal costante e sinistro odore di sigaro, nettamente più importante dalla panchina che in campo, i suoi aneddoti sono leggenda!

Falcone, grazie per gli innumerevoli assist durante tutta la stagione, avrebbe potuto fare 40 punti ogni partita, si è sempre limitato a farne il meno possibile facendo divertire tutti.

Blond, grazie di tutte le tue spinte e le tue botte, dei canestri in faccia in allenamento e del tuo spirito agonista, arrivato in corsa ci ha ricordato a tutti che i campionati finiscono alla sirena dell’ultima partita.

Mimmo, radio accesa in difesa, desaparecidos in allenamento, ma quando contava c’era sempre.

Giglio, “timido” in attacco, spigoloso in difesa, tra lui e Mimmo accendono sempre diversi focolai durante le partite, e non sono sempre dei bravi pompieri!?

Faustone,  vorrei sapere il chilometraggio della sua macchina prima e dopo le partite, muro in difesa e generoso in attacco, nell’ultima partita fa vedere cosa vale in attacco se decide di tirare.

Nello, il Capitano, fa sistematicamente fessi tutti i poveri difensori che passano dalle sue parti con movimenti "old school", ma che evidentemente qualcuno dovrebbe cominciare a studiare; quando c’è bisogno di sicurezza, si va da lui.

Johnny, "arrivato in corsa", pochi minuti ed un dito fuori uso per un contatto accidentale, peccato perchè la sua difesa sarebbe servita ed il suo entusiasmo era contagioso, ha continuato a seguirci come se fosse sempre stato dei nostri.

Tullo, il nostro Team Manager, inizia ghignando nelle vesti di arbitro, finisce gestendo allenamenti e animi in maniera leggera ed oculata, da sempre una mano al Coach quando bisogna guardare più l’aspetto umano che tecnico.

Nick, il Coach. Beh, mica facile fare contenti tutti questi giocatori... lui ci riesce e porta a casa una stagione da 100% di vittorie, e anche quando le partite si fanno difficili lui fa sempre mantenere la calma e trova le motivazioni per portare a casa le vittorie.

Ghetto, il Presidente. Forse ci credeva ancora più di noi giocatori, ha messo a disposizione tutto quello che aveva e il grazie non è solo un dovere, ma è una cosa sentita, e che personalmente espando alle mie ultime tre stagioni.

Grazie a Tutti per questo anno e per questa "cavalcata trionfale", ci vediamo in palestra a fine estate, perché abbiamo portato a termine solo metà obbiettivo, la missione non è ancora compiuta…

Edoardo Ugolini

 
11/06/2010  19:01
La passione A.I.C.S. Basket

Dopo un rinvio per pioggia si è regolarmente svolta giovedì 27 maggio 2010, al polisportivo “Giulianini” di Villafranca, la consueta festa del settore giovanile dell’A.I.C.S. BARONE MONTALTO BASKET.

Gli oltre 120 bambini, accompagnati da altrettanti genitori, hanno potuto usufruire di 3 campi (2 all’aperto ed 1 al coperto) per giocare sotto la supervisione degli istruttori ed allenatori aiciessini che hanno provveduto ad allestire i campi per gare di palleggio, tiro e passaggio.

Sul campo principale all’aperto si sono sfidati i ragazzi del 1999, 2000, 2001 agli ordini di coach Colombo, coach Lasi, coach Cavina e coach Raggi; sull’altro campo all’aperto, agli ordini di coach Angeli, coach Domeniconi e coach Borra, i bambini nati nel 2002, 2003, 2004 e qualche 2005, hanno giocato, divisi a squadre, a gare di tiro e palleggio lungo percorsi impervi e “pericolosi” nati dall’infinita fantasia di Jonathan (Angeli ndr).

Sul campo all’interno, divisi su due metà campo, hanno giocato delle mini partite i ragazzi classe 1996, 1997 e 1998, guidati da coach Gori e coach Solfrizzi.

Il comune denominatore di questa festa è stato sicuramente l’entusiasmo e la gioia con cui i “nostri” ragazzi hanno affrontato il binomio palla a spicchi–canestro. Una passione che i nostri istruttori “annaffiano” ogni anno con la loro competenza e sempre, cosa molto importante, con il sorriso sulle labbra!!!

Alla fine delle attività, come tutti gli anni, i ragazzi sono stati premiati con una medaglia e con un ricco buffet offerto dalla società fatto di pizza, ciambella, pasticcini, bevande varie ed assaggi, per i più grandi, di vini MONTALTO.

Nell’attesa della ripresa delle attività, prevista tra circa due mesi, tutta l’A.I.C.S. BARONE MONTALTO BASKET, vi augura buona estate e buone vacanze!!!

C.D.

Clikka qui per le foto dell'evento

 
11/06/2010  18:41
Il pagellone ... di fine stagione!!!

Di seguito il pagellone di fine stagione rigorosamente per numero di maglia:

PETRINI NICOLA: 6.5 la situazione rispetto alla stagione scorsa migliora di poco, il minutaggio è sempre basso, ma “Pedro” si fa sempre trovare pronto e, in alcuni casi, dà un ottimo contributo, oltre che difensivo, anche offensivo. PREZIOSO.

MANUCCI FEDERICO: S.V., la sua stagione aiciessina si interrompe a gennaio quando Fede si fa da parte dopo prestazioni altalenanti. Grazie per l’impegno. FUGACE.

LASI LUCA: 6, gli vengono affidate le chiavi della regia aiciessina e “lampados” Lasi dimostra di soffrire un po’ la pressione che questa responsabilità comporta. Il fisico quest’anno ha retto molto meglio al peso di tutta la stagione, la testa ogni tanto vagava. Famoso per i suoi versi in entrata a canestro, si rivela fondamentale per lo spogliatoio. ABBRONZATISSIMO.

BOERO LUIGI: 6.5, fa il bello ed il cattivo tempo! Playmaker tecnicamente da categoria superiore a cui piace avere la palla in mano quando la partita si fa importante. Ed infatti nella sua prima mezza stagione aiciessina, risolve un paio di partite con prestazioni importanti, ed un altro paio le consegna agli avversari. Un ragazzo a cui gli attributi non mancano. METEREOLOGO.

ZONDINI GIACOMO: S.V., alla prima stagione da “senior”, passa la maggior parte del tempo ad osservare i compagni giocare, ma quando viene chiamato in campo risponde sempre presente con pregi e difetti che un ragazzo di 19 anni può avere. Bravissimo ragazzo, ascolta i consigli dei veterani e prende su, senza commentare, improperi e botte a volte fuori luogo da compagni ed allenatore. INCASSATORE.

RAVAIOLI ANDREA: 7, solito “Rava”, giocatore dalla tecnica sopraffina, elegante, ma che, a volte, ha il difetto di nascondersi. Gli piace avere la palla nelle mani e la sua azione preferita, dopo l’uno contro uno, è senz’altro giocare spalle a canestro cosa che ha potuto fare poche volte durante la stagione. Difensore arcigno dalle mani velocissime e presto neo papà. GENITORE.

MANTANI FILIPPO: 6, passa la metà del tempo a fare terapia e l’altra metà a giocare ed allenarsi. Il talento e le doti fisiche non si discutono, “Manta” può essere un giocatore devastante se la tenuta nervosa tiene così come può diventare un valore aggiunto per gli avversari se la “vena si chiude”. Cosa che, purtroppo per allenatore e compagni, è successo spesso durante la stagione. CROCE E DELIZIA.

BARTOLI FEDERICO: S.V., anche per lui può valere il discorso fatto per Zondini e Petrini con la differenza che “Bart” è un giocatore d’area che si trova spesso a combattere, nel vero senso della parola, con Zannoni e Gaiotti sotto canestro durante gli allenamenti e con marpioni quali Neri, Morandotti, Carera e Calcagnini nella stagione regolare. Fisico massiccio ma tecnica ancora da affinare, il suo ruolo è quello di prendere rimbalzi, fare dei blocchi e presenziare fisicamente il tabellone. Quelle poche volte che entra in campo lo fa senza demeritare. JOHN TRAVOLTA.

MASSARI LUCIO CARLOS: 7.5, arriva a metà stagione e ci mette un po’ ad entrare in forma, a causa anche, e soprattutto, di una schiena che inizia a soffrire delle stagioni e delle botte prese ai piani più alti. È un centro in grado di palleggiare in campo aperto, passare la palla egregiamente, e dotato di un arsenale di movimenti sotto canestro di rara bellezza ed efficacia. Col suo arrivo la squadra cambia faccia e modo di giocare. Ci mette un po’ a capire il metro arbitrale della C regionale e, una volta aggiustata la mira, diventa fondamentale per coach Colombo. GAUCHO.

GAIOTTI MARCO: 7.5, più di uno spettatore ha dubitato della veridicità della data di nascita scritta sui giornalini di presentazione delle partite! Anno 1973, altro giocatore che le categorie le ha giocate quasi tutte. Un leone, l’anima, nonché il capitano, di questa A.I.C.S. BARONE MONTALTO; non ci sta a perdere nemmeno ad “Indovina a chi…”, sotto canestro fa valere i suoi centimetri, la sua esperienza e il suo agonismo. Giocherebbe anche senza un braccio, e non è detto che non l’abbia già fatto, e, spesso, risulta il miglior marcatore o il giocatore con la migliore valutazione. IMPRESCINDIBILE.

ZANNONI ANDREA: 6.5, gli anni iniziano a passare anche per l’ex migliore rimbalzista della C1. In più quest’anno “Zanna” è stato distratto da problemi extra cestistici che ne hanno limitato la serenità. Ragazzo super, di una disponibilità commovente, soffre il basso minutaggio che coach Colombo gli riserva. Quando entra ha voglia di spaccare il mondo, a volte lo fa e, a volte, rischia di spaccare qualcuno, avversario o compagno non fa differenza. Giocatore che ogni allenatore vorrebbe. AGONISTA.

SGALABERNA FABIO: 6.5, giocatore di una bellezza stilistica senza eguali in C regionale. Alla sua prima stagione in maglia aiciessina, entra subito in sintonia con lo spogliatoio (a dispetto dell’etichetta di “spacca spogliatoio” con cui arriva da Lugo) e non è difficile per un ragazzo disponibile e serio come lui. In campo dimostra di soffrire il gioco di coach Colombo e non manca di farlo presente. Possiede il tiro in uscita dai blocchi più devastante del campionato, peccato che arrivi poco a questo tipo di conclusione. Gli piace correre in contropiede e predilige, spesso, la giocata di fantasia alla concretezza. Dotato di mezzi atletici invidiabili, soffre psicologicamente le partite maschie e ricche di tensione. ESTETA.

BORRA LUCA, CROCINI FABIO: S.V., ottimi sparring partner in allenamento per raggiungere un numero onesto per potersi allenare. Il secondo, purtroppo, si fa male quasi subito e segue il resto della stagione dalla tribuna. UNDER.

Coach COLOMBO STEFANO: 6,5, con i due innesti di metà stagione la squadra cambia un po' volto e di rincorsa raggiunge una posizione di classifica più consona alle aspettative. Peccato per la partenza di campionato un po' a singhiozzo. TENENTE.

Vice Coach DOMENICONI CLAUDIO: 9, che dire di questo ragazzetto con i capelli davanti agli occhi??? Il perfetto vice-allenatore che incassa insulti e punizioni corporali senza fare una piega e con indosso una canotta aiuta i ragazzi a fare allenamento. Qualcosa da obiettare sulle nuove metodologie di preparazione/richiamo atletico!!! ....OGLIONAZZO.

Massaggiatore DI MARTINO GIUSEPPE: 9, il buon Beppe passa l’intera stagione ad aggiustare ogni minimo acciacco dei suoi ragazzi. Quest’anno andava di moda il “tape” colorato. Si vocifera che la quantità utilizzata per “tapezzare” i giocatori equivalga alla distanza che c’è tra Novi Ligure e Ceglie Messapica!  Massaggiatore, fisioterapista, parrucchiere, fine psicologo, compagno di bevute, paragnosta, prestigiatore. Chiedete a Beppe qualsiasi cosa (o quasi!) e lui cercherà di venirvi incontro. INDISPENSABILE.

SOCIETÀ (GHETTI-BANDINI-GATTELLI-GORDINI): 9, la storica triade quest'anno aggiunge un'altra unità. Solito encomiabile lavoro nel permettere a TUTTI di lavorare nelle massima serenità e con un'organizzazione nettamente da categorie superiori. FONDAMENTALI.

 
11/06/2010  18:18
A.I.C.S. BASKET MELDOLA: camminata serale coi Ragazzi!

Clikka qui per la locandina dell'evento.

 
11/06/2010  10:28
PAO Bucci Matteo - Drake Robert - Sportilia 21 Giugno 2010

Lunedì 21 giugno 2010 dalle ore 20.00 alle ore 23.30 a Sportilia (FC) presso il centro polivalente – Santa Sofia (FC), riunione tecnica del Dott. Matteo Bucci, con tema: "Allenare l’allenatore: motivare il gruppo, gestire la leadership e gli strumenti di analisi della squadra" e di Robert Drake (Usa), con tema: "Insegnare il fondamentale del tiro ed esercitazioni per migliorarlo".

Crediti accordati 1.5

Stefano Colombo
Pres. Cna Forlì- Cesena

Scarica qui la scheda di partecipazione.

 
02/06/2010  12:07
Clinic PAO: Rimini 6 giugno 2010

Con la presente sono ad informarVi che

DOMENICA 6 GIUGNO 2010 ALLE ORE 10,00
SERRAVALLE (RSM) - MULTI EVENTI SPORT DOMUS

si svolgerà una riunione tecnica d'aggiornamento per allenatori con i seguenti argomenti:

10,00 - 11,00 RELATORE: MILLINA PIERO
COLLABORAZIONI DIFENSIVE: BLOCCHI VERTICALI ED ORIZZONTALI

11,00 - 12,00 RELATORE: PADOVANO MASSIMO
COLLABORAZIONI OFFENSIVE: PENETRARE E SCARICARE

La partecipazione al Clinic riconosce ai partecipanti n° 1,5 crediti PAO.

Si rammenta che, come da regolamento federale, verrà rilasciata l'attestazione di partecipazione; pertanto, prima dell'inizio della lezione, siete tenuti alla consegna dell'allegato modulo debitamente compilato.

NON SARANNO RILASCIATE ATTESTAZIONI PER RICHIESTE PRESENTATE DOPO L'INIZIO DELLA LEZIONE.

Per ogni ulteriore dettaglio e/o delucidazione potete contattarmi al 347.46.49.872 oppure via mail all'indirizzo cna.rn@emilia-romagna.fip.it

Cordiali saluti.

Il Presidente Provinciale CNA di Rimini
Roberto Zannoni

P.S. Si ricorda inoltre che il comitato Cna di Forlì-Cesena ha fatto richiesta per nuovo Pao il 21 giugno a Sportilia.

Seguiranno maggiori informazioni al riguardo.

Stefano Colombo
Pres. Cna Forlì - Cesena

 
31/05/2010  19:54
Vieni al Cinema 2010

Sei in possesso della tessera A.I.C.S. BASKET o di un qualsiasi altro Circolo affiliato all'A.I.C.S.?? Per Te una gradita possibilità! Clikka qui per scoprirla!!!

Se ancora non sei un Socio A.I.C.S. BASKET, cosa aspetti…?!? Affrettati: per Te abbiamo in serbo una serie di simpatiche novità! Continua ad aggiornarti su www.aicsbasket.it!

 
24/04/2010  00:02
Marino Fantuzzi, "La Prima di ogni Quinta Luna"

Si terrà martedi 27 Aprile p.v. alle ore 20.45 c/o il Teatro Dragoni di Meldola la presentazione del romanzo "La Prima di ogni Quinta Luna" di Marino Fantuzzi (il nostro fotografo ufficiale).

"Come potrebbe reagire l’umanità sapendo che la verità sul mistero più antico del mondo non è quello in cui ha sempre creduto? Mentre un’alluvione colpisce l’Emilia Romagna, viene alla luce un sito archeologico di immenso valore. A indagare sulla misteriosa scoperta è chiamato l’archeologo Luca Fanti che si trova davanti a pergamene dalla strana scrittura e a una grotta rimasta intatta per secoli… Troppe sono le persone interessate al ritrovamento, a partire da un certo Gran Maestro e presto l’archeologo diventa sospettoso. Tra sette, killer e oscure rivelazioni, Luca, aiutato dal medico forense Nadia Camprini, si muove tra l’eremo di Scardavilla e quello di Camaldoli. Alla ricerca del segreto racchiuso all’interno della grotta e di quello celato nel suo cuore".

Condurrà la serata Gabriele Zelli.

Il sito ufficiale

Clikka qui per l'invito alla presentazione

La Prima di ogni Quinta Luna

 
21/04/2010  10:36
Clinic PAO Ravenna - 03 maggio 2010

Il C.N.A. della Provincia di Ravenna, in collaborazione con il C.N.A. Regionale  e con U.S.A.P. (Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro), organizza un incontro tecnico di aggiornamento.

Detto incontro si svolgerà a RAVENNA il 03/05/2010 dalle ore 20,00 alle ore 22,30  presso il "PALA COSTA" P.zza Caduti sul Lavoro con ingresso anche dall'Ippodromo.

TEMA GENERALE DI RIFERIMENTO
DALL'1 vs 1 IN PALLEGGIO AL 4 vs 4 PENETRA E SCARICA: METODOLOGIA, TECNICA, TATTICA E PREPARAZIONE ATLETICA

Relatori:
GIAMPIERO TICCHI: Head Coach Naz. Fem. e  Basket Rimini
MASSIMO GALLI: Ass. Allenatore Angelico Biella Lega A
MARZIO BALDUCCI: Prep. Atletico Basket Rimini

A tutti i presenti verranno assegnati n. 2 punti
Le iscrizioni inizieranno alle ore 19,15 e termineranno alle ore 20,00

Il Presidente Provinciale CNA di Rimini
Roberto Zannoni

Clikka qui per la scheda di partecipazione

 
18/04/2010  19:16
Summer Camp 2010 A.I.C.S. BASKET

La locandina del Summer Camp 2010 di Meldola

Turni, costi e programma del Summer Camp 2010 di Meldola

Il modulo d'iscrizione al Summer Camp 2010 di Meldola 

La locandina del Summer Camp 2010 di Santa Sofia

Turni, costi e programma del Summer Camp 2010 di Santa Sofia

Il modulo d'iscrizione al Summer Camp 2010 di Santa Sofia 

 
07/04/2010  12:43
E' tempo di playoff: le forlivesi scendono in campo!!!

Il basket forlivese si proietta verso il primo turno dei tanto attesi play off. L’obiettivo per tutti è unico: la promozione nella serie maggiore.

Se da un lato del tabellone il Gaetano Scirea Bk Forli dovrà incontrare Altedo e poi la vincitrice tra Rovereto e San Marino, dall’altra parte le cose non sono più semplici. Il primo match che attende gli uomini di coach Colombo risulta già impegnativo e la previsione, prendendo in prestito il gergo calcistico, è davvero da tripla. San Lazzaro giocherà di certo con un uomo in più in campo, il pubblico, elemento che si è dimostrato determinante nel corso di tutta la stagione per gli atleti del BSL. La variabile tifo, inoltre, sarà ancor più incisiva nel caso di un pareggio tra le due squadre in quanto “la bella” sarebbe disputata proprio alla palestra Rodriguez.

“Il quarto posto conquistato da San Lazzaro”, spiega Stefano Colombo, “dimostra che i Cinghioss sono una squadra temibile e ben attrezzata. Agguantare un quarto posto dietro ad avversari come Granarolo, Roveleto e Cento non è di certo facile”. Di San Lazzaro, dunque, è bene temere tutto viste le grandi capacità dei suoi atleti e la qualità del gioco che è in grado di esprimere. “E’ una squadra molto fisica ed organizzata – prosegue Colombo – con uno staff tecnico di rilievo. I giocatori su cui possono contare sono importanti e sono molto affiatati tra loro, l’esperienza maturata sul campo ha permesso di formare un buon gruppo capace di mettere in difficoltà qualsiasi avversario. Ci farà soffrire”.

Fortunatamente in casa Barone Montalto  il morale è alto e le condizioni fisiche sono piuttosto buone. Nonostante qualche acciacco si possono veder sprazzi di sereno all’orizzonte e il momento di forma che la squadra sta attraversando è confortante. “Questa partita difficile arriva in un momento soddisfacente”, conferma coach Colombo, “abbiamo qualche acciacco ma nulla di grave; è stato raggiunto un buon livello di collaborazione, merito anche dell’inserimento di Boero e Massari che hanno cambiato volto alla squadra.”

Il buon momento è testimoniato anche dal risultato dello scontro con Riccione, che costerà alla Tender un durissimo impegno contro Cento, una delle squadre maggiormente quotate per la promozione in C dilettanti. “Non facciamo calcoli, pochi sono concessi in campionato, men che meno se ne possono fare sui playoff; le partite del tabellone sono da affrontare una per volta, concentrati e decisi”.

Per scoprire il risultato del primo incontro dovremo attendere ancora qualche giorno, precisamente domenica quando l’armata di Forlì cercherà di espugnare la roccaforte "San Lazzaro". Fischio di inizio alle 19.00.

 
01/04/2010  17:04
Il Centro Minibasket A.I.C.S. celebra il suo derby "Aquilotti"!!

È con grande soddisfazione che pubblichiamo la fotografia dell’ultimo derby tutto targato A.I.C.S. BASKET. Infatti, il 15 febbraio 2010 nella categoria Aquilotti (nati 1999-2000) si sono sfidati il Centro Minibasket A.I.C.S. Forlì e il Centro Minibasket A.I.C.S. Meldola. Tra l’incredulità dei bambini nel vedere una squadra con lo stesso nome sulle maglie e la felicità di noi istruttori, è stata giocata una partita accesa, divertente e piena di canestri. Con la speranza di rivedere sempre più derby «interni», faccio i complimenti a tutti i giovani atleti che hanno partecipato a questa splendida stagione nei nostri Centri Minibasket… ovviamente targata solo A.I.C.S. BASKET!

Luca Lasi

Clikka qui per la foto dell'evento

 
01/04/2010  15:36
PAO allenatori 4 aprile 2010 - "PalaPeep" Cesenatico

Domenica 4 aprile p.v. dalle ore 21 alle 23 presso la palestra "PalaPeep" in via Don Minzoni a Cesenatico (FC) si svolgerà l'aggiornamento tecnico obbligatorio sul tema: “Esempi pratici di sedute di allenamento per le diverse categorie del settore giovanile".

Sarà presente in qualità di relatore: Mario Floris - Responsabile Tecnico Basketball Generation MensSana Basket Siena.

Per scaricare la scheda di partecipazione clicca qui.

A tutti i presenti verrà assegnato 1 credito.

Buona Pasqua a Tutti!

Stefano Colombo
Presidente Cna Forlì - Cesena

 
20/03/2010  00:20
PAO 23 Marzo 2010 - Cesena (FC)

Cari colleghi/e, sono a comunicarvi che martedì 23 marzo p.v. dalle ore 19.15 presso la palestra Ippodromo di Cesena (Fc) si svolgerà l'aggiornamento tecnico obbligatorio sul tema: "L'anticipazione motoria nella formazione del giocatore di basket".

Saranno presenti in qualità di relatori:
Andrea Menozzi - Resp.le S.G. Pallacanestro Reggiana e H.Coach under 19
Prof. Luigi Sepulcri - Preparatore fisico della nazionale maschile Italiana

Per scaricare la scheda di partecipazione clicca qui.

A tutti i presenti verranno assegnati 2 crediti.

 
Cordialmente,
Stefano Colombo
Presidente Cna Forlì - Cesena

 
02/03/2010  16:35
Corritalia AICS 2010

Clikka qui per la locandina dell'evento

 
19/02/2010  15:38
A.I.C.S. Basket Forlì inarrestabile.Prima divisione dominata con il 100% di vittorie. Intervista a Coach Matassini

Alla luce dei risultati ottenuti sino ad oggi è giusto tirare un primo bilancio di un campionato, quello di prima divisione,  che seppur minore vede A.I.C.S Basket come protagonista indiscussa della competizione. Con una “striscia positiva” di risultati da far addirittura impallidire non solo le avversarie, A.I.C.S. Basket tiene i colori del territorio forlivese ben alti con 10 vittorie su 10 partite giocate.

Si tratta di un campionato strano”, conferma Domenico Matassini, allenatore della Prima Divisione Maschile di A.I.C.S. Basket Forlì, “un campionato in cui giocano persone che hanno grande esperienza anche in categorie superiori a cui si aggiungono le giovani promesse. Di solito in questi campionati si trovano squadre davvero ben strutturate ma poco organizzate. E’ comune un campionato di tutto rispetto, forse calato qualitativamente rispetto a quello dello scorso anno ma in grado comune di offrire un certo spettacolo”.

Il campionato di Prima Divisione si caratterizza per uno spessore certamente più limitato rispetto a quello delle categorie maggiori, ma la passione per lo sport, e per la pallacanestro in particolare, permette di assistere spesso ad un spettacolo più avvincente di quello cui si può riscontrare di norma nelle competizioni di categoria più elevata.

La passione per il gioco è ciò che lega l’intera rosa di A.I.C.S. Basket, una formazione fatta di esperienza, obiettivi elevati e di storie d’amicizia come se ne vedono ancora poche nello sport. “Il presupposto di quest’anno, in linea con quanto deciso con la dirigenza della società,  era quello di raggiungere la promozione.  Mi è stata dunque data carta bianca nel costruire una squadra che garantisse risultati”, prosegue Matassini, “A.I.C.S. Basket Forlì probabilmente è di un livello superiore rispetto al tipo di campionato che disputa, ciò non toglie che sussistano delle difficoltà. I giocatori sono spesso vincolati da impegni di lavoro e dalla famiglia e non è sempre facile fare allenamento, né mettere in campo una formazione tipo”.

 
27/01/2010  15:38
Il Centro Minibasket A.I.C.S. accetta la «Sfida»!

Domenica 24 gennaio alla palestra «Viroli» del Ronco si è tenuto un evento riservato alle categorie Scoiattoli e Pulcini (nati nel 2001, 2002 e 2003) del Centro Minibasket A.I.C.S., che qualche piccolo atleta ha definito la «Sfida». Ma di che cosa si è trattato esattamente?

Tutto nasce, ovviamente, nei nostri Centri Minibasket di Forlì e Meldola. Quasi ad ogni lezione, dopo tanti giochi ed esercizi, viene il momento della partita; però a volte il tempo non è sufficiente per scaricare tutta la voglia di competizione e sano agonismo dei ragazzi. Mentre i più grandi, Esordienti ed Aquilotti, dispongono già di un loro campionato per confrontarsi con i pari età, i più piccoli non hanno ancora questa opportunità. Per questo motivo, si è pensato ad un pomeriggio di partite solo per i più giovani, in attesa che si organizzino feste ed amichevoli a loro riservate. Così, agli ordini dei signori Davide Ricci di Meldola e Tommaso Colombo di Forlì (i nostri mini-arbitri), sono entrati sul parquet più di venti agguerritissimi giocatori. Inizialmente, divisi nelle due metà campo, si sono sfidati in accesi 3 contro 3 sprint; poi, una volta rimossi i canestri posti al centro del campo, è scattata un’intensa partita 4 contro 4 a tutto campo. Sotto lo sguardo vigile dei propri istruttori ed incitati dal caloroso pubblico di parenti e amici, i ragazzi (con anche due super sportive ragazze) si sono impegnati tantissimo, hanno segnato molti canestri e difeso con energia.

Dalle espressioni soddisfatte viste al momento dell’urlo finale, si sono anche parecchio divertiti. Vinta, dunque, la prima sfida, non resta altro che prepararsi alle prossime!

J.A.

Clikka qui per le foto della "sfida"

 
Pagina:  Precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 Successiva
Registrati
 
AICS Online 1
Nessuno
Ospiti Online 0
Nessuno
Visitatori Online 165
Persone Totali Online 166

30/08/2021  09:32
Autunno 2021 - Open Day - Minibasket Outdoor

 
Privacy